Marco Biolchini firma autografi Marco Biolchini Marco Biolchini al Mabic

Il ritorno di Roma

 

La città non era solo un luogo fisico, era un ideale, un valore. Come la stella che indica settentrione nella notte, Roma illuminava agli uomini la strada da percorrere. Roma era l’ordine, era la legge, era la virtus e la pietas! Era tutto ciò che Tito aveva sempre sperato di trovare: una patria che riportasse nel mondo i valori e l’antica gloria.

 

Copertina de Il ritorno di RomaCosa è accaduto all'esercito del grande Hrothmund? Perché i sacerdoti vietano agli uomini di recarsi sui monti sacri? Quale peso porta nel suo cuore il vecchio Publio?

Mentre l'isola di Britannia sta cadendo in uno stato d'anarchia a seguito della scomparsa del potere di Roma, il giovane Tito Valerio Barbato, ultimo erede di una nobile famiglia latina, cerca invano di trovare risposta agli interrogativi che hanno segnato la sua infanzia, come se raggiungere la verità potesse finalmente elevarlo nel mondo degli adulti e avvicinarlo alla grandezza dei suoi antenati.

Poi gli eventi, anche se in modo beffardo, finiscono con l'assecondare i suoi desideri: il misterioso comandante Hryp comincia a reclutare uomini per condurre una nuova campagna militare, i soldati tornano ad infestare le terre ormai pacificate della famiglia Barbata, gli amici più cari si rivelano dei traditori, suo nonno Publio ha bisogno di aiuto per far fronte alla nuova minaccia.

Così Tito deve lasciare la donna che ama e la vita da giovane patrizio per scendere sul campo di battaglia e salvare il suo mondo. Nell'inseguire il suo obiettivo, arriverà a scoprire cosa accadde al potente Hrothmund e quale incredibile potenza si celi sui monti inviolabili. Una potenza splendida e terribile, risorta dalle ceneri di un mondo che non esiste più, probabilmente la sola speranza di salvezza per la Britannia...

 

“Il ritorno di Roma” è un romanzo storico, perché le sue vicende sono ambientate in una precisa epoca storica, ma è anche un romanzo di formazione, perché segue e descrive l'evoluzione psicologica del protagonista.

“Il ritorno di Roma” è un romanzo che parla di esseri umani, di uomini e donne che, nonostante i quindici secoli di distanza, appaiono tremendamente simili a noi, prigionieri degli immutabili sentimenti che delineano la condizione umana.

“Il ritorno di Roma” è una storia d'amore, perché racconta di coppie di giovani amanti, i cui destini si intrecceranno indissolubilmente con l'orrore della guerra.

“Il ritorno di Roma” vuole lasciare un messaggio: davanti alle avversità del fato, l'uomo può rialzare la testa e lottare per i propri valori.

 

Si tratta di uno dei grandi successi editoriali della stagione.

Gazzetta di Modena

 

È 'Il ritorno di Roma', un poderoso racconto di battaglie, di uomini e di amori.

Stefano Marchetti – Il Resto del Carlino

 

È l'indagine sulla condizione umana a rendere fascinoso questo romanzo.

Michele Fuoco – Gazzetta di Modena

 

 

Segui "Il ritorno di Roma" sulla pagina ufficiale di Facebook